Contribuisci a salvare il Teatro il Canovaccio
C/C post. n.: 1004332845 - Gruppo Teatrale il Canovaccio - IBAN: IT 21 Z 07601 14000 001004332845

Salviamo il Teatro il Canovaccio

Cari pisani,

vi scriviamo per parlarvi della situazione del nostro teatro, che, come tutti noi, sta subendo i colpi della crisi economica che attraversa il paese. In seguito ad un’analisi lucida della nostra situazione economica dobbiamo a malincuore ammettere che il nostro entusiasmo e i nostri sforzi, che da anni garantiscono un polo culturale di qualità per la città, non sono bastati a fare fronte alle spese che il nostro teatro comporta. Abbiamo una struttura ben organizzata e accogliente, abbiamo spazi per la segreteria, per la falegnameria, per la sartoria, per costruire le scenografie che rendono i nostri spettacoli così curati. Siamo sempre stati orgogliosi di non dipendere da nessuno e di sostenerci unicamente con le nostre quote associative e il ricavato dei nostri spettacoli. Non ci siamo mai piegati a logiche di tipo politico, convinti come siamo che l’uomo, le sue emozioni e le sue storie non abbiano alcuna bandiera.

Abbiamo fatto attenzione a ogni bolletta, ad ogni allestimento, ad ogni singolo oggetto da mettere in scena, per realizzare qualcosa di bello usando ciò che già c’era, rivitalizzando con creatività e amore vecchie quinte, arredi storici, costumi che sono con noi da anni. E abbiamo sempre pensato che fare teatro di qualità sarebbe bastato. Invece, non è stato così. La cronica mancanza di sostegno da parte delle istituzioni, la crisi che ha portato tutti a tagli e rinunce non ci hanno permesso di restare in pareggio. La situazione delle nostre spese è diventata insostenibile ed è arrivato il momento di avere il coraggio di fare scelte drastiche. Le faremo, e non spariremo: non vogliamo che muoia un luogo che, da vent’anni, è un punto di aggregazione, in cui studenti , giovani e meno giovani trovano un terreno comune nella loro passione per la polvere del palcoscenico, in cui l’entusiasmo per lo spettacolo da mettere in scena è sempre riuscito a smuovere energie incredibili e tanta, tanta dedizione.

Perciò, non staremo a piangere lacrime amare. Troveremo la forza di risollevarci, grazie a nuove idee per il contenimento delle spese e grazie, ne siamo sicuri, al vostro aiuto. Innanzitutto vogliamo riempire il teatro, vogliamo coinvolgervi nei nostri sforzi per far vivere il Canovaccio, per dimostrare che non è vero che non si mangia con la cultura: non lasciamo a digiuno lo spirito, dimostriamo, tutti insieme, che le emozioni e la passione che il teatro sa trasmettere meritano di essere salvate e valorizzate. La nostra parte abbiamo cominciato a farla, tagliando il costo del biglietto da 12 a 8 € (da 8 a 5 per studenti e anziani)

In più di venti anni di attività abbiamo raccolto e conservato gelosamente oggetti, vestiti e arredi che potevano esserci utili per i nostri spettacoli! Oggetti d’epoca, modernariato, vestiti, borse e accessori che sono tornati di moda. Se vi piace curiosare tra mille occasioni, se vi piace il vintage, se vi siete sempre chiesti cosa succede dietro le quinte di uno spettacolo teatrale, se siete affascinati da abiti ed accessori che sul palco hanno dato vita a storie di ogni tipo…All’interno del Teatro il giorno 11 marzo dalle 15,00 alle 23,00 sarà allestito un mercatino di piccoli arredi, vestiti nuovi e usati, costumi teatrali di tutti i generi e tutti i tempi ed anticaglie. Un modo creativo e conveniente per dare una mano al nostro Teatro ad affrontare la crisi attuale e portare nelle vostre case un po’ di ‘polvere di stelle’! Sarà un’occasione per visitare il “dietro le quinte” di una compagnia teatrale e – perché no? – per portarsi a casa abiti e oggetti, anche bellissimi, a prezzi decisamente convenienti.

E poi, vi aspettiamo in teatro: osservate il nostro calendario, guardate la ricchezza della nostra offerta e venite, venite a riempire la sala. Troverete un prezzo più basso, ma la bellezza e il calore di sempre. E vedrete in noi l’orgoglio e la dignità di chi si piega come un giunco al vento, ma solo per risollevarsi più snello e più forte di prima.

Abbiamo inoltre ideato una forma promozionale per noi nuova, “Poltrona per un amico”, un'iniziativa per un aiuto concreto: il Teatro Canovaccio cede per tutto l'anno 2012 le sue poltrone al costo-offerta di € 200,00. Il possessore potrà usufruirne per tutti gli spettacoli in stagione prenotando entro il mercoledì precedente lo spettacolo. Nel caso di mancata prenotazione, la poltrona potrà essere, per quello spettacolo, usata per altro spettatore. Non si tratta di un abbonamento ma di un contributo per aiutare il Canovaccio. Chi è interessato può rivolgersi alla segreteria del Canovaccio o al numero 335 7789085 “Venite in teatro o visitate il nostro sito www.canovaccio.it per avere maggiori informazioni su questa e le altre promozioni.

Infine, abbiamo anche attivato un conto corrente postale, per raccogliere l’aiuto di tutti: se pensate che il Canovaccio in questi anni si sia meritato il vostro affetto, se pensate che vi abbiamo regalato cultura ed emozioni, se non volete che Pisa perda questo luogo dallo spirito magico e indipendente, fate un’offerta per sostenerci.
Aiutateci a restare con voi. Vi aspettiamo, e in tanti
Giuseppe Raimo
Ass. Cult. Gruppo Teatrale Il Canovaccio - Via Trieste 2, 56126, Pisa - P.I.: 01481400503 - C.F.: 93019700504
E-mail: info@canovaccio.it - Tel: 3357789085 (Segreteria)